Via Piedigrotta, 16 80122 - NAPOLI

+39 081 663 090 - +39 328 6675 469

Occhio e Postura

IL RICETTORE OCULARE

Numerosi lavori di neuroscienze ci provano in maniera inconfutabile, il ruolo dell’occhio come recettore del sistema posturale.
L’occhio è sia un endorecettore che un esorecettore del sistema posturale.
L’esterocezione è essenzialmente sotto la dipendenza dei bastoncelli della visione periferica , la propriocezione è legata all’attività muscolare extra-oculare e alle vie dell’oculo-cefalogiria che assoggettano i muscoli del collo e delle spalle a quelli dell’occhio.
Tra le differenti patologie oculari che intervengono nello squilibrio tonico posturale, vi saranno:
i disturbi della rifrazione (miopie, astigmatismi, ipermetropie), che interessano l’esterocezione sensoriale dell’occhio;
i disturbi della convergenza e le eteroforie, che interessano la propriocezione muscolare extra-oculare.
Se i disturbi della rifrazione (miopie, astigmatismi, ipermetropie) sono per lo più conosciuti e corretti, non è lo stesso per i secondi i quali vengono diagnosticati solo molto raramente.
Vi sono quattro ragioni per questo:
i medici di base, i medici scolastici, i pediatri, etc. non sono mai stati formati per questo tipo di diagnosi;
i parametri degli oculisti non sono uguali ai nostri poiché essi sono interessati solo ai disturbi della visione binoculare mentre per noi la diagnosi deve essere fatta molto prima, cioè nel momento in cui si evidenzia un disturbo posturale;
traumi a parte, le altre cause sono numerose;
questi difetti di convergenza non si correggono mai da soli, ma provocano una nuova integrazione dello schema corporeo il quale funzionerà con il proprio difetto e lo squilibrio posturale che l’accompagna. Quando si ha un difetto di convergenza, se non lo si corregge, rimane per tutta la vita.
i disturbi della rifrazione (miopie, astigmatismi, ipermetropie), sono generalmente corretti, forse troppo, poiché alcuni sarebbero di tipo adattativo sul sistema posturale, soprattutto quando sono minimi, asimmetrici o di recente comparsa e senza ereditarietà.
I disturbi del recettore oculare dipendono da varie cause che possono essere divise in due gruppi:
A) LE CAUSE APPARENTEMENTE PRIMITIVE
I TRAUMI CRANICI
LE DISTORSIONI CERVICALI
I FENOMENI DI IPER-TENSIONE ENDOCRANICA

B) LE CAUSE MANIFESTAMENTE SECONDARIE
UN FOCOLAIO DENTALE O UN DISTURBO OCCLUSALE
LE EPATITI
I DERIVATI TRICICLICI
GLI ANTIDEPRESSIVI

Da “LA RIPROGRAMMAZIONE POSTURALE GLOBALE”del Dottor Bernard Bricot